La sepoltura per il funerale: diverse opzioni da considerare

Nel momento in cui una famiglia si trova ad affrontare la delicata dipartita di un parente, è sufficiente rivolgersi a un’agenzia di onoranze funebri a Roma per ricevere tutta l’assistenza e l’aiuto necessario per dare degna sepoltura E onorare la memoria di chi sono andato a miglior vita.

Quando si parla di sepoltura è bene sapere che esistono diverse modalità tra cui scegliere, elencate di seguito per fare maggiore chiarezza sull’argomento e aiutare chi si trova in questa situazione.

La possibilità della cremazione

Esiste la possibilità di cremazione cioè incenerire il corpo e conservarne solo le ceneri invece di seppellire il corpo in una tomba. La cremazione pare sia una delle modalità più richieste in assoluto per ragioni diverse. Il desiderio, ovviamente, può venire sia dalla famiglia che dal defunto stesso che, a volte, ha lasciato delle disposizioni in merito all’organizzazione dei funerali.

Quando si crema un corpo, si svolge una cerimonia come al solito, la differenza è che non ci sarà la fase della sepoltura che verrà rimandata al momento in cui le ceneri saranno pronte. L’agenzia di onoranze funebri a Roma porta il corpo verso il forno crematorio e fornisce sia la cassa provvisoria in legno che l’urna cineraria in marmo dove verranno conservate le ceneri.

La classica inumazione

Quando si seppellisce il corpo della persona venuta a mancare in una nuova tomba, allora di parla di inumazione. Anche in questo caso, l’agenzia di onoranze funebri a Roma presta tutto l’aiuto che serve, anche prenotando il loculo al cimitero oltre anche alla lapide personalizzata. La lapide verrà sistemata non appena pronta poiché ci vuole un po’ di tempo per predisporre una lastra in marmo con tutte le specifiche del caso.

La tumulazione nella cappella di famiglia

Nel momento in cui la famiglia del defunto ha una sua tomba o cappella, allora si parla di tumulazione. In questo caso, non serve ordinare una lapide su misura poiché verrà modificata quella esistente aggiungendo l’ultimo famigliare venuto a mancare.